Leguminose - Parco Culturale di Camaiano

Vai ai contenuti
Leguminose

La coltivazione dei cereali tende ad impoverire il terreno dalle sostanze nutritive ed è quindi necessario attuare una rotazione con colture di leguminose affinché apportino al terreno parte delle sostanze tolte dalla coltivazione dei cereali, o quantomeno ne asportino quantità minori.
Tali colture sono erba medica, sulla e favino.

Erba medica
 
La coltivazione dell'erba medica dona al paesaggio distese di un bel verde saturo anche nei mesi estivi perché, a differenza delle altre colture, dopo il primo taglio viene fatto ricrescere per una seconda, e - in caso di stagione favorevole - anche per una terza o addirittura quarta raccolta.
Si tratta di una leguminosa che viene seminata in successione ad un cereale in quanto essendo una pianta azotofissatrice ed ad apparato radicale molto profondo, migliora le caratteristiche strutturali del terreno dove viene seminata. Viene coltivata per circa quattro/cinque anni consecutivi in modo che i terreni possano “riposare” e può essere messa a dimora ad Aprile-Marzo o alla fine dell’estate.
Il suo principale utilizzo è quello per la produzione di fieno destinato all’alimentazione animale, le rese variano moltissimo in base alla piovosità annua, ma mediamente si possono ottenere circa 80 quintali di fieno per ettaro.

Favino
 
I campi di favino fiorito sono inconfondibili per il loro profumo dolce e molto intenso. Anche questa leguminosa viene seminata per arricchire il terreno di sostanze nutritive.
Si semina a fine Ottobre per trebbiarla a fine Giugno, la granella così ottenuta è destinata alla produzione di mangimi animali. La resa per ettaro è 10/15 quintali per ettaro.
 
Sulla
 
Con i suoi fiori di un bel rosso fucsia, i campi primaverili di sulla sono vivaci pennellate di colore di notevole bellezza nel nostro paesaggio. Tra le leguminose sopra citate, la sulla è quella che ha la più alta capacità di migliorare il terreno su cui viene seminata. La sua radice fittonante penetra in profondità nel terreno, qualunque sia la sua struttura, rendendolo così più sciolto nelle successive lavorazioni.
Viene seminata a fine estate e il primo sfalcio avviene in primavera; dopo di ché viene trebbiata per la raccolta del seme nel mese di Agosto.


20/05/2020
Privacy Policy
Torna ai contenuti