Il Mulino del Chiappino - Parco Culturale di Camaiano

Vai ai contenuti
 
Mulino del Chiappino, o del Piccassi

L’epoca di costruzione di questo mulino risale al sec. XVIII. Il 21 aprile del 1700, Giò Batta Picatio, livellario della Pia Casa della Misericordia, supplicava il Gran Duca (S.A.S.) di poter procedere alla sua  edificazione. La richiesta era motivata dal fatto che la realizzazione  dell'aldio comportava di "tagliare la strada Maremmana" e la costruzione di un ponte.
 

Nel 1795 l’opificio, rappresentato ancora con il nome del suo costruttore, era così descritto: “Un mulino a tre palmenti sull’acqua della Sanguigna, ed altro casotto sotto il suddetto con un sol palmento, con steccaia murata, aldio e gora, stanze per il mugnaio, forno, colombaia e stalla, ld. ai Tre Ponti, denominato volgarmente il mulino di Piccassi”.  Il mulino del Chiappino cessava l’attività nel luglio del 1942.
 
 
Stato di conservazione
 
Oggi dell'antico opificio rimane solo l'imponente serra sulla Sanguigna. La gora è stata  trasformata in parcheggio e l’edificio, dopo una prima destinazione come “ristorante”, è stato adibito a casa di riposo per anziani.

13/09/2020
Privacy Policy
Torna ai contenuti