Vino - Parco Culturale di Camaiano

Vai ai contenuti
Il territorio
della nostra valle è caratterizzato da un paesaggio dai forti contrasti, biondo di messi ed assolato d’estate, laborioso delle vendemmie e raccolta delle olive in autunno, mite, ma talvolta attraversato  da venti impetuosi in inverno, verde e rigoglioso in primavera. Vicino alla bellissima costa toscana, immerso nella campagna fra le colline ed il mare, inserito in un territorio ricco di storia e di tradizioni, si colloca Camaiano.

La coltivazione della vite, con l’olivo, caratterizza da tempo immemorabile questi luoghi, grazie anche ad un clima ed ad un terreno particolarmente favorevoli.
I vigneti caratterizzano in modo importante alcune aree della zona collinare ed in generale hanno un’estensione media abbastanza bassa (corpi unici di poco più di 7/8 ha), inframmezzati da colture cerealicole e di foraggi, boschi ed uliveti, salvaguardando una certa variabilità paesaggistica.
Vivere e produrre in uno specifico territorio significa non limitarsi a prendere, ma anche prodigarsi a dare; ciò è possibile, infatti, rispettando, custodendo, tutelando e promuovendo il microcosmo che ci accoglie, restituendo così alla terra tutto quello che dalla terra è stato preso.

Il Vino

Essere vignaioli significa avere un rapporto diretto con la terra e con ogni singolo filare del vigneto. Le loro mani toccano materia viva, non materie artificiali, per questo sappiamo che ogni azione comporta una reazione. Il lavoro e la produttività possono esistere solo insieme al rispetto della vigna e del territorio nel quale è inserita.
 
Il lavoro nel vigneto segue il ciclo naturale della vite, che passa dal letargo invernale alla crescita ed alla fioritura primaverile, dalla maturazione degli acini in estate, alla perdita delle foglie in autunno, per poi ritornare al riposo invernale.
La conduzione di un vigneto di qualità non può essere improvvisata, richiede una grande esperienza, molte conoscenze e la passione di condurre un lavoro faticoso, sottoposto ai capricci del tempo. Tutto questo richiede molti anni di pazienza e una buona dose di “saper fare”. E' necessario che ogni singola vite raggiunga il giusto equilibrio produttivo, in relazione all’ambiente in cui si trova. I fattori sono molti ed ogni anno diversi, poiché influenzati pesantemente dall’andamento climatico.

Le aziende vitivinicole del territorio hanno scelto di seguire i principi della “LOTTA INTEGRATA”, cioè di utilizzare i sistemi di difesa con il più basso impatto ambientale, intervenendo in modo mirato al fine di utilizzare la minor quantità possibile di prodotti chimici e solo nei momenti giusti senza alcuna dispersione.

L’uomo comunque non basta: le caratteristiche del terreno e del clima e le varietà coltivate sono requisiti imprescindibili per la nascita di un buon vino.
 
I principali vitigni coltivati in zona sono
  • per i vini rossi:
Sangiovese, Colorino, Cliegiolo,Giacomino, Cabernet Franc, Montepulciano e Cabernet Sauvignon
  • per i vini bianchi:
Vermentino, Malvasia di Candia, Trebbiano, Colombana.

 
Da non dimenticare il vino passito: ottenuto con uve Malvasia e Trebbiano parzialmente essiccate ed affinato in piccole botti di legno di rovere dette Caratelli, il Vino passito può essere un eccellente vino da dessert ma è da provare anche come aperitivo.
Infine, tra i prodotti della valle possiamo trovare anche la grappa: frutto della distillazione e la sapiente lavorazione delle vinacce.


Questi vini possono essere acquistati presso le aziende (la disponibilità può essere limitata):
Agriturismo Cappellese, Loc.Cappellese 68, Castelnuovo della Misericordia (LI), Tel 338 2096010, web;
Fattoria di Paltratico, Loc. Paltratico 60, Castelnuovo della Misericordia (LI), Tel 0586 745010, web.

13/09/2020
Privacy Policy
Torna ai contenuti