- Le Sugherete - Parco Culturale di Camaiano

Vai ai contenuti
Le sugherete del Gabbro

 
Nei dintorni del Gabbro la coltivazione della quercia da sughero ha assunto in passato aspetti interessanti con sbocchi commerciali soprattutto a Livorno dove, tra la fine dell'Ottocento e la metà del secolo scorso, erano attive numerose fabbriche per la lavorazione del sughero (produzione di tappi, turaccioli, agglomerati, ma anche articoli per calzolai, per la marina e per la pesca).

La sughera (Quercus suber L.), come il Leccio (Quercus ilex L.), è una quercia sempreverde. Spontanea in un vasto territorio che ha l'epicentro nel distretto centro-occidentale del Mediterraneo, è presente in Italia in un areale relativamente ristretto comprendente la Sardegna, la Sicilia, la Calabria, il Lazio e la Toscana. Albero di media statura (m 10 - 15), ha fusto contorto; chioma irregolare piuttosto densa; corteccia dapprima liscia poi profondamente fessurata e molto spessa; le foglie sono coriacee e persistenti. Lucivaga, frugale e abbastanza xerofila, la Sughera predilige terreni siliceo-argillosi, non calcarei, a reazione acida. Si riproduce con facilità sia per seme, sia per via agamica.
Dato che è oggetto di coltivazione esclusivamente ai fini della produzione del sughero e non del legno, la fustaia è la forma di governo che più le si addice. Il sughero di prima formazione, detto "sugherone" o "sughero maschio", si estrae quando la pianta ha raggiunto i 25 cm di diametro; il sughero di seconda formazione, chiamato "sughero gentile", si estrae periodicamente ogni 9-10 anni. La decortica, che in Toscana è consentita nel periodo 15 maggio - 31 agosto, viene fatta quando la pianta è in succhio usando molta attenzione per non danneggiare il "fellogeno". Dopo 9 - 10 decortiche, la produzione diviene scadente e le piante, ormai esauste, devono essere abbattute.
 


13/09/2020
Privacy Policy
Torna ai contenuti